mercoledì 22 marzo 2017

QUARTA DI COPERTINA

Salve. Vi riporto la quarta di copertina, così come apparirà sul libro.

Una storia d’amore nata su una panchina; lei che aspetta il suo fidanzato, lui che la osserva da giorni, sperando di trovare il modo di avvicinarla. Ernesto, insegnante precario di filosofia, riuscirà a conquistare la bellissima Ludovica, strappandola al difficile rapporto con Gilberto, magistrato fedifrago e corrotto. I due iniziano una felice convivenza sulla quale però gravitano delle ombre infauste. Sarà quella strana atmosfera che si respira nella grande villa dove abitano, popolata di inquietanti manichini e ritratti di vecchi antenati, o quella profezia mai pronunciata su una Ludovica bambina da un frate venerato come santo… Sarà lo “spettro” di Gilberto che pare non arrendersi alla perdita della giovane amante o lo strano atteggiamento di Anna, amica di Ludovica, una donna assai esuberante e passionale.

L’invisibile tensione che pesa sulle teste dei due innamorati si risolverà in tragedia, spingendo Ernesto tra le mura di un antico convento del ‘300, lo stesso che Ludovica frequentava da piccola, luogo di esorcismi e credenze medioevali. Qui, nell’incalzante susseguirsi di eventi ammantati di mistero, Ernesto potrà lentamente dipanare l’intricata matassa dei fatti che hanno stravolto la sua esistenza, per approdare ad un epilogo assolutamente sorprendente.

Un romanzo intenso, avvincente, dove la suspance del thriller si colora di forti suggestioni horror, che tiene costantemente viva l’attenzione del lettore e insieme pone importanti interrogativi sul dolore, il male, la superstizione e l’arroganza del potere.

Antonella Saija
Stampa il post